Le ragioni intangibili per cui Ethereum e Bitcoin

Le ragioni intangibili per cui Ethereum e Bitcoin sono leader

Nello sviluppo open-source, dove c’è poca proprietà intellettuale privilegiata, gli intangibili come il marchio e la comunità contano di più.

La finanza decentralizzata (DeFi) sta esplodendo. La quantità di capitale bloccato in DeFi, una misura imperfetta ma utile di trazione, ha recentemente colpito un massimo storico di 35 miliardi di dollari.

Oggi, Ethereum è la rete dominante per la DeFi in tutte le metriche Bitcoin Trader importanti, compresi i flussi di capitale, il capitale bloccato, il numero di progetti e sviluppatori.

Alex è co-fondatore di Zabo, una piattaforma che consente alle fintech e alle società di servizi finanziari di collegare facilmente i conti in criptovaluta alle loro applicazioni.

La crescita esplosiva di DeFi ha alimentato una battaglia già feroce tra le piattaforme di contratti intelligenti, alias „Ethereum-killer“, per conquistare quote della categoria emergente.

Tushar Jain, partner della società di venture crypto Multicoin Capital, ha recentemente fatto commenti su Twitter chiamando in causa il dominio DeFi di Ethereum:

La visione di Jain è tenuta da molti investitori intelligenti e può essere riassunta come: alla fine le reti più performanti, meglio progettate e meno costose inizieranno a mangiare la quota di mercato DeFi di Ethereum.
Iscriviti a Crypto Long & Short, la nostra newsletter settimanale sugli investimenti.

Iscrivendoti, riceverai email sui prodotti CoinDesk e accetti i nostri termini e condizioni e l’informativa sulla privacy.

In effetti, gli investitori hanno versato miliardi in piattaforme di contratti intelligenti concorrenti a sostegno di questa esatta tesi.

Eppure, nonostante il lancio di molte piattaforme concorrenti e l’impiego di grandi quantità di capitale nei loro sforzi, gli effetti di rete e il fossato di Ethereum sono inspiegabilmente forti come sempre. Come è possibile?

È possibile perché Ethereum ha potenti beni immateriali che sono incredibilmente difficili da riprodurre e contro cui competere.

Questa non è una nuova dinamica – il dominio immateriale è stato a lungo osservato e ha avuto un impatto anche sui mercati e sulle aziende tradizionali.

Coca-Cola, Google e … Ethereum?

Si possono generalmente dividere i beni in due categorie: tangibili e intangibili.

I beni tangibili sono di natura fisica – cose come denaro, attrezzature e server. Per le reti di computer, un bene tangibile potrebbe includere quanta potenza di calcolo può essere fornita o quanto velocemente una query può essere eseguita – cose basate su proprietà fisiche sottostanti della rete. Data la natura fisica dei beni tangibili, sono abbastanza facili da quantificare e misurare.

Al contrario, i beni intangibili non esistono in forma fisica – come la proprietà intellettuale, il riconoscimento del marchio e la fiducia. Gli asset intangibili possono essere molto difficili da quantificare, rendendo più difficile individuare la loro influenza sui risultati finali come i guadagni o il numero di connessioni in una rete. I beni immateriali possono anche essere incredibilmente difficili da replicare, perché la loro creazione spesso si basa su qualcosa di molto più complesso, come i pensieri di un cervello umano.

Gli investitori sanno da tempo che le aziende di successo hanno forti qualità intangibili che danno loro la capacità di accumulare un valore fuori misura e rimanere altamente competitive per lunghi periodi.

Consideriamo un’azienda come la Coca-Cola. Immaginate di creare una cola che abbia un sapore ancora migliore della Coca-Cola („più performante“) e di fornire abbastanza capitale per costruire una migliore rete di distribuzione mondiale per rivaleggiare con quella della Coca-Cola („più scalabile“ e „meno costosa“).

„Gli investitori sanno da tempo che le aziende di successo hanno forti qualità intangibili che danno loro la capacità di accumulare un valore fuori misura“.

Questo permetterebbe di convincere la maggior parte dei bevitori di cola esistenti e nuovi a fare il cambio di Coca Cola?

Probabilmente no.

I beni tangibili della Coca-Cola – gli ingredienti grezzi che compongono il gusto, la confezione e la distribuzione della Coca-Cola – non sono quelli che assicurano da soli la posizione dominante dell’azienda sul mercato. Coca-Cola è dominante oggi a causa dei beni intangibili: la sua consapevolezza universale del marchio, la fedeltà dei clienti e il modo in cui fa sentire la gente. Questi sono incredibilmente difficili da riprodurre.

Eppure, Coca Cola è un marchio di consumo. E la tecnologia? Anche lì troviamo la stessa tendenza.